CINEMATOGRAFIA COSMOARTISTICA

Incontro al CINPSY INSTITUTE DI CATANZARO

Viale De Filippis, 148

 Sabato 25 giugno 2011 – ore 16.00/20.00

ALEXANDER
(Il mito, il sogno e la storia)

 
 
Nell’immagine della locandina
Colin Farrel nel film “Alexander”

                                                  Un film di Oliver Stone> 

                                            Interpreti: Angelina Jolie, Colin Farrell, Val Kilmer, Jared  Leto, 

                                                       Rosario Dawson, Anthony Hopkins.

  

Il mito di Alessandro il Macedone(detto il Grande)-Alessandro Magno, che nel IV secolo a.C. conquistò Grecia, Egitto, Persia , Afghanistan e India (il 90% del mondo allora conosciuto) racchiude un sogno ancora più grande: quello di unire Oriente ed Occidente e favorire l’integrazione delle razze senza discriminazione alcuna, archetipo ancora attuale a cui l’odio razziale e la volontà di dominio si oppongono tramite le etnie dominanti che mantengono i meccanismi degli stermini e delle pulizie etniche in ogni tempo.

 

 

RIFLESSIONE INTERPRETATIVA SUL FILM DI OLIVER STONE
di Valerio Massimo Manfredi

Il giudizio e la interpretazione, su ogni essere umano,
ha le mille sfaccettature e i mille punti di vista da cui lo si osserva,
così succede per la vita dei piccoli uomini, di ogni giorno,
sia per i grandi uomini;
l’unica differenza è il numero delle persone,
che considerano queste mille sfaccettature
e la memoria storica delle loro gesta,
che si tramandano fino a noi.
Viene naturale quando si considera la vita di un uomo, specie di un grande uomo che si erge a simbolo, celebrarlo e osannarlo come un Dio o denigrarlo come un demone.
Merito del regista Oliver Stone di avere ricordato e celebrato non solo le sue gesta, di cui sono piene i libri storia, attraverso epiche scenografia di battaglia quella di Gaugamela contro i Persiani e quella contro gli elefanti in India, dall’ impronta quasi fumettistica, disegnata, anatomica, e la vista quasi biblica della lussureggiante Babilonia coi suoi giardini pensili; ma, di avere celebrato un suo ritratto umano e le sue contraddizioni psicologiche, secondo lo storico Robin Lane Fox…

La valutazione di un uomo non è solo nelle sue gesta pubbliche,
che lasciano una impronta sulla storia,
ma anche la valutazione del suo privato.
Oliver Stone, in maniera apparentemente antipatica,
si sofferma sulla vita sessuale e amorosa di Alexander,
fino a, quasi, farlo divenire il life motif dell’intero film.
Il suo rapporto amore odio per il padre, per la madre,
un amore carnale e sentimentale per le donne,
adombrato dalla figura della madre,
e per gli uomini: femminei, in rigetto alla figura del padre…

L’ossessione del fardello della eredità di Achille,
del suo amore per Patroclo, trasmesso dalla madre,
del suo sapere, del suo conoscere,
che contrastava colla grossezza del padre Filippo.
Amore per il padre,
ma allo stesso tempo una grande distanza da lui per sensibilità.
Il suo parlare al cavallo, Bucefalo: una sensibilità che fa venire in mente Erickson quando parla delle doti di un uomo, che sa grattare i maiali, ovverosia che sa comprendere gli altri della sua e di altre specie.
Alexander: un grande comunicatore..
Il sogno di una integrazione tra civiltà diverse ottenuta, in modo cruento, attraverso la conquista militare.
L’idea universale e solitaria di Alexander di una umanità che veniva coinvolta senza più distinzione tra conquistati e conquistatori, tra civiltà superiori ed inferiori, tra barbari e non.
Il regista ha calcato su alcuni aspetti che lui sentiva senza seguire troppo il botteghino e in questo mi sembra raro ed ammirabile.

La complessità del suo rapporto coi genitori,
un rapporto continuo di amore e odio,
di distacco e di ricerca, di emulazione e di superamento
e nel contempo di autoaffermazione.
La sua sessualità, che, oltre per consuetudine storica,
nasceva dalla condivisione
di amicizia, di filosofia, di emozioni e di sogni
e di partecipazione alle cose della vita,
per cui non poteva non essere che tra uomini,
(per es. con Efestione),
visto che l’unica donna,
che avrebbe potuto affermarsi in questo era la madre,
con la quale era in antagonismo ed in fuga,
per la sua autoaffermazione, in un continuo conflitto edipico.
Alexander, forse era troppo grande la sua ricerca;
forse nel troppo cercare ci si perde e si finisce per sfidare l’infinito.
Oltre a qualcosa di già conquistato
c’è sempre qualcosa ancora da conquistare,
in una ricerca, che ha solo un principio,
ma che è senza fine.
L’infinito non ha nè forma nè consistenza
e ci si perde nell’abbracciare un sogno,
che non ha né odore né sapore
ed è inarrivabile per l’uomo.
Alexander ha posseduto gran parte del mondo conosciuto,
sfumature di infinito,
ma non ha mai posseduto, interamente,
i colori della sua vita di uomo.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: