Il Codice Simmetrico e la Cosmo-Art


CINPSY EDITION, 2011, pp.400 - €.25,00

 

Presentazione di Antonio Mercurio

“Dice il “Manifesto della Cosmo-Art” che il dolore serve per creare e non per espiare. Per creare il passaggio da un’identità grezza a una identità sempre più evoluta: dall’identità animale e reattiva all’identità dell’artista che è capace di creare una bellezza immortale.” Da “Ipotesi su Ulisse”, p. 189.

Questo assunto è quello che albeggia in tutto il nuovo saggio di Enrico G. Belli, da anni interprete del mio pensiero con originalità e profondità riflessiva, e trova coronamento nel commento al mio ultimo lavoro “Ipotesi su Ulisse”, anche se il tutto parte da molto lontano, come lui ricorda, dal lontano 1984, in occasione di un convegno nazionale della SUR a Catania, nella Terra dei Ciclopi.

In quell’occasione, presentando una relazione su “Odisseo/Edipo, mito archetipo come significante intrapsichico”, sembrava suggerisse quello che poi è stato la nostra riscoperta del mito omerico, come narrato nell’Odissea, con al centro la figura di Ulisse. “Torna al verso di Omero”. (di Ali Podrimja).

Da anni, con il nuovo taglio cosmoartistico da me offerto alla figura del personaggio omerico, è stato improntato il progetto della Cosmo-Art, obiettivo primario della SUR “Sophia University of Rome”, dal 1995 Ulisse “l’uomo dai mille patimenti” (Omero) è stato scelto come emblema per l’edificazione del mito della Cosmo-Art.

Nelle pagine di questo saggio “Il Codice Simmetrico e la Cosmo-Art” si parte da un’accurata ricerca e riflessioni sul mito, con approfondimenti del rapporto tra mito- sogno-poesia, in un’ottica antropologica e metapsicologica.

Il capitolo sulla Bi-logica di Ignacio Matte Blanco (Il Codice Simmetrico) e l’accostamento alle tematiche cosmoartistiche, trovando terreno comune nelle teorie kleiniane (Melanie Klein) – oltre che di Freud e Jung-, sono da Enrico Belli accostate e puntualizzate con acume critico e originali osservazioni.

L’introduzione alle teorie sull’Estetica e la Creatività di Matte Blanco, sono spesso comparate alle tematiche cosmoartistiche: originali, il richiamo a poeti famosi (Neruda -Ungaretti) e a quelli meno famosi contemporanei (es. C.M.Ranieri di Catanzaro), fino all’approfondimento sulle tematiche dell’onirico ed all’osservazione sul fenomeno del delirio.

Un riconoscimento più sentito va comunque a quella seconda parte del saggio, dedicato alla COSMO-ART, nel quale il mio pensiero ed il cammino della SUR (“Sophia University of Rome”) vengono presentati in una larga sintesi nei passaggi storico-esistenziali e di elaborazione teorico-pratica: dalla Psicoterapia Analitica alla Antropologia Personalistica Esistenziale, dalla Sophia-analisi alla Sophia-art, fino alla Cosmo-Art…

Enrico G. Belli, oltre che studioso e storico attento, dà prova delle sue capacità narrative, quando commenta con osservazioni personali gli Assiomi ed i Teoremi della Cosmo-Art, facendoci entrare nel suo mondo personale, raccontando episodi della sua vita significativi: storie in cui narra ed affronta con calore il dolore ed altre in cui con autoironia ci porta a percepire con leggerezza la profondità della sua anima.

Dalla Terra dei Feaci, che lui precisa in una nota sia da individuare nella Calabria (secondo l’ipotesi avanzata dallo studioso tedesco A.Wolf), e particolarmente in quella striscia di terra tra i due mari (Tirreno e Ionio), che va dalla foce del fiume Amato nel lametino fino all’antico Porto della Rocelletta di Borgia (foce del Còrace) nei pressi di Catanzaro Lido, riallaccia sempre il discorso secondo la mia “Ipotesi su Ulisse”.

Un grazie per come il mio pensiero è stato accolto (come gli antichi Feaci accolsero il naufrago Ulisse), per lo stile scorrevole e preciso con cui esprime i vari argomenti: ogni libro (pubblicazione) è un aggregatore dell’anima cosmoartistica che dobbiamo creare e consolidare negli anni a venire.

Ad Enrico, che ho recentemente nominato Promotore scientifico-culturale per i rapporti della SUR “Sophia University of Rome” con l’America Latina, il mio augurio di una diffusione di questo testo, importante per l’argomentazione trattata e per le innumerevoli prospettive che offre ad approfondimenti successivi. La creatività della SUR “Sophia University of Rome”, che sta conoscendo stagioni di produttività editoriali e costanti approfondimenti, particolarmente sulla Cosmo-Art, è sempre più indirizzata a costruire questo mito cosmoartistico, certi che approfondendo le tematiche del mito odisseico (centrato sul travagliato “nostos” di Ulisse) si costruisce e si mette in opera quello cosmoartistico che ha come obiettivo cardine “la creazione della Bellezza Seconda”.

A questa mia breve introduzione, al volume di Enrico G. Belli “ Il Codice Simmetrico e la Cosmo-Art”, consiglio di aggiungere la relazione del gruppo di Cosmo- Art di Roma, redatto da Francesco Sollai, in occasione del Seminario sul VI Teorema e Vita prenatale. (XII Laboratorio di Antropologia Cosmo-artistica )

Antonio Mercurio, Fondatore e Presidente della SUR “ Sophia University of Rome”, Filosofo, Antropologo, Sophia-analista, Sophia-artista, Cosmo-artista.

Annunci

3 commenti (+aggiungi il tuo?)

  1. Maurizio
    Apr 04, 2011 @ 15:22:06

    Illuminante la presentazione del Prof. Antonio Mercurio, sto sperimentando anch’io quanto “il dolore” serva per creare.
    Sto leggendo da alcuni giorni il libro ed ho trovato interessante “Le ermeneutiche sul mito”, cose che non conoscevo, ma che trovo interessanti: a quando la presentazione all’Università della “Magna Grecia” di Catanzaro?
    Complimenti ed a presto Maurizio

    Rispondi

  2. Enrico
    Apr 04, 2011 @ 22:27:30

    Grazie del commento e delle precisazioni appropriate…Il volume è fresco di stampa, preferirei presentarlo a piccoli gruppi per illustrare meglio il messaggio alla ricerca per le persone non solo interessate di psicologia, ma anche a coloro che si occupano di letteratura (poesia in particolare), oltre che ai sogni ed in particolare al “mito”… A quanti curiosi vogliano comprendere cosa sia “Il Codice Simmetrico”, oltre a tutti coloro che possono essere interessati al mito della “Cosmo-art”… Insomma vedremo dove possiamo essere accolti : dall’Università della “Magna Grecia ” di Catanzaro, all’ Unical di Cosenza o alla “Mediterranea” di Reggio… Non sarebbe male una presentazione alla “Sophia University of Rome”… E poi vedremo…Cmq sono certo che mi aiuterai con i tuoi supporti tecnici ed umani… Grazie ed a presto Enrico

    Rispondi

  3. Enrico
    Apr 11, 2011 @ 09:24:50

    GRAZIE A TUTTI >Domenica 10 aprile 2011 a FRASCATI ( Roma), nell’ambito del Laboratorio Corale di Cosmo-Art della SOPHIA UNIVERSITY OF ROME, è stato presentato il volume di Enrico G. Belli, ” IL CODICE SIMMETRICO E LA COSMO-ART”(Cinpsy Edition, 2011, pp. 401) con la presenza del maestro Antonio Mercurio e di un numeroso gruppo di persone provenienti da vari istituti d’ ITALIA ed europei ( es. Francia ): l’accoglienza attenta e partecipe ha permesso di offrire un contributo culturale corale all’interno del seminario stesso. L’autore, oltre che ricordare i temi del libro (“Il codice simmetrico è una sua illuminante definizione alle riflessioni sulla Bi-logica di Ignacio Matte Blanco, nella teoria dell’inconscio come insiemi infiniti, che viene rappresentata come un modello strutturale”), ha illustrato alcuni passaggi del lavoro di comparazione tra il principio di simmetria , il mito, la poesia ed il sogno. Costantemente i suoi riferimenti comparativi, partendo dall’idea del mito, sono stati riferiti alla COSMO-ART di Antonio Mercurio e della SOPHIA UNIVERSITY OF ROME, che negli ultimi decenni ha contribuito a sviluppare la ricerca sulla “vita prenatale”.
    Proprio al mondo intrauterino, ed al taglio ermeneutico (interpretativo) nuovo dell’ ODISSEA (ed alla figura di ODISSEO-ULISSE), è stato riferita la comparazione tra mondo simmetrico e MITO della COSMO-ART, seguendo la mirabile illustrazione di IPOTESI SU ULISSE, che Antonio Mercurio ha fatto, nel suo ultimo lavoro recentemente tradotto in lingua spagnola, oltre che nella riuscita traduzione e diffusione in lingua inglese dell’ E-BOOK gratuito che è entrato nei primi dieci libri più scaricati dell’ultimo anno nel Web.
    Un grazie a tutti per l’accoglienza ed a quanti hanno contribuito a rendere visibile i libri nello spazio espositivo del CINPSY EDITION durante l’incontro, in particolare ad Anna Quercia(Taranto) e Gino Currao (Reggio Calabria), oltre al lavoro grafico preparatorio di Maurizio Aceto(Cosenza)…
    Con l’augurio di prossimi incontri di elaborazione culturale per la diffusione del volume di Enrico G. Belli e del pensiero del maestro Antonio Mercurio, fondatore e presidente della “SOPHIA UNIVERSITY OF ROME”, secondo le idee portanti della COSMO-ART e per la creazione corale della BELLEZZA SECONDA.
    GRAZIE A TUTTI…

    Rispondi

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: